A CASA DI:
Stefania

CON:
Simone, Daniela e il piccolo Giovanni
Mariangela e Rita, le regine della fonduta di formaggio
Stefano e Nicola
Francesca, grande buongustaia
Zeno, mia sorella Silvia e la sottoscritta
(questa volta sono rimasta senza le mie due aiutanti…ma solo per questa volta!)

ANTIPASTI:
Pinzimonio di verdure
Radicchio di Treviso in saor

PIATTO PRINCIPALE:
Fondue bourguignonne con salse
Fonduta di formaggio   

DOLCE:
Fonduta di cioccolato


Questa è un’idea semplice, adatta per una domenica invernale in cui l’unico obiettivo della giornata è stare in casa al caldo a mangiare e bere in bella compagnia.
Tris di fonduta: di carne, di formaggio e di cioccolata.
Non richiede grande impegno in cucina ed è un’esperienza molto conviviale e divertente.
Unico punto debole: la tovaglia!!! Se i vostri ospiti sono così voraci come i miei, lo splendido pezzo di stoffa bianco o colorato che avete usato per coprire il tavolo ve lo ritroverete a puà e per una settimana dovrete fare amicizia con ogni tipo di smacchiatore…
Le sole fatiche richieste per questo genere di banchetto sono le seguenti:
- scegliere buona carne per la fonduta e confezionare dei cubetti né troppo piccoli (se no si seccano) né troppo grandi (se no ci mettono troppo a cucinare)
- preparare squisite salse da accompagnare ai bocconcini di carne (io, nella fattispecie, ho preparato: maionese classica, salsa rosa, salsa al curry e paprika, salsa di senape e yogurt e salsa verde…ma potete sbizzarrirvi a seconda dei gusti)
- scegliere del buon formaggio per la fondue svizzera
- accompagnare il tutto con del fresco pinzimonio di verdure che rinfresca (io ho voluto esagerare e ho fatto anche del radicchio in saor)

Mi raccomando, per il radicchio in saor usate sempre il radicchio di Treviso e la cipolla rossa di Tropea!!!

- punto fondamentale: selezionare dei compagni di tavola non troppo aggressivi perché ci si potrebbe far male ☺

Per la fondue bourguignonne ho usato dell’olio d’oliva Sasso; ho preferito non usare l’extravergine perché secondo me è troppo forte per tale tipo di piatto.

Per la fondue di formaggio, invece, ho scelto come accompagnamento delle patate piccole lessate (volendo si possono usare anche piccoli pezzi di wurstel e/o pezzi di pane bruschettato).

Per la fondue di cioccolato ho scelto del cioccolato fondente Novi (che ho sciolto a bagnomaria con un po’ di panna) e, come accompagnamento, della frutta: uva, pere (ottime!), banana e datteri.

Ovviamente ogni fonduta aveva una sua pentola e un suo fornelletto.

A destra del tavolo quella di formaggio e a sinistra quella di carne.

Risultato: ci siamo alzati da tavola alle 17.30…molto soddisfatti!!!

 

 

 

 

 

 

FacebookTwitterGoogle